UN OMAGGIO PERSONALE A UMBERTO ECO

Non sono in grado di rendere omaggio ad un tale protagonista, come la sua figura meriterebbe. E non posso fare una marchetta per onorare la memoria del saggista, scrittore, filosofo, linguista (e molto altro), che ha lasciato un’impronta indelebile sulla cultura italiana. Di solito noi di Formatoberliner evitiamo queste celebrazioni, perchè non si addicono al nostro stile e sono comunque già coperte da una valanga di articoli, memorie, omaggi personali e ufficiali.

Per questo vi propongo un brano non molto famoso, ma sicuramente d’impatto: una delle sue “Bustine di Minerva”, dedicata alle biblioteche pubbliche, scritta con quello stile umoristico e sottile, ma anche serio e con una punta di amarezza, che personalmente adoro.

COME ORGANIZZARE UNA BIBLIOTECA PUBBLICA

  1. I cataloghi devono essere divisi al massimo: deve essere posta molta cura nel dividere il catalogo dei libri da quello delle riviste, e questi da quello per soggetti, nonchè i libri di acquisizione recente dai libri di acquisizione più antica. Possibilmente l’ortografia, nei due cataloghi (acquisizioni recenti e antiche) deve essere diversa; per esempio nelle acquisizioni recenti retorica va con una t, in quella antica con due t; Čajkovskij nelle acquisizioni recenti col Č, mentre nelle acquisizioni antiche alla francese, col Tch.
  2. I soggetti devono essere decisi dal bibliotecario. I libri non devono portare nel colophon un’indicazione circa i soggetti sotto cui debbono essere elencati.
  3. Le sigle devono essere intrascrivibili, possibilmente molte, in modo che chiunque riempia la scheda non abbia mai posto per mettere l’ultima denominazione e la ritenga irrilevante, così che poi l’inserviente gli possa restituire la scheda perchè sia ricompilata.
  4. Il tempo tra richiesta e consegna deve essere molto lungo.

    5. Non bisogna dare più di un libro alla volta.

    6. I libri consegnati dall’inserviente perchè richiesti su scheda non possono essere portati in sala consultazione, cioè bisogna dividere la propria vita in due aspetti fondamentali, uno per la lettura e l’altro per la consultazione. La biblioteca deve scoraggiare la lettura incrociata di più libri perchè provoca strabismo.

    7. Deve esserci possibilmente assenza totale di macchine fotocopiatrici; comunque, se ne esiste una, l’accesso deve essere molto lungo e faticoso, la spesa superiore a quella della cartolibreria, i limiti di copiatura ridotti a non più di due o tre pagine.

    8. Il bibliotecario deve considerare il lettore un nemico, un perdigiono (altrimenti sarebbe a lavorare), un ladro potenziale.

    9. L’ufficio consulenza deve essere irragiungibile.

    10. Il prestito dev’essere scoraggiato.

    11. Il prestito interbiblioteca deve essere impossibile, in ogni caso deve prendere mesi. Meglio comunque garantire l’impossibilità di conoscere cosa ci sia nelle altre biblioteche.

    12. In conseguenza di questo i furti devono essere facilissimi.

    13. Gli orari devono assolutamente coincidere con quelli di lavoro, discussi preventivamente coi sindacati: chiusura assoluta di sabato, di domenica, la sera e alle ore dei pasti. Il maggior nemico della biblioteca è lo studente lavoratore; il miglior amico è Don Ferrante, qualcuno che ha una biblioteca in proprio, che quindi non ha bisogno di venire in biblioteca e quando muore la lascia in eredità.

    14. Non deve essere possibile rifocillarsi all’interno della biblioteca, in nessun modo, e in ogni caso non dev’essere possibile neanche rifocillarsi all’esterno della biblioteca senza prima aver depositato tutti i libri che si avevano in consegna, in modo da doverli poi richiedere dopo che si è preso il caffè.

    15. Non deve essere possibile ritrovare il proprio libro il giorno dopo.

    16. Non deve essere possibile sapere chi ha in prestito il libro che manca.

    17. Possibilmente niente latrine.

    18. Idealmente l’utente non dovrebbe poter entrare in biblioteca; ammesso che ci entri, usufruendo in modo puntiglioso e antipatico di un diritto che gli è stato concesso in base ai principi dell’Ottantanove, ma che però non è stato ancora assimilato dalla sensibilità collettiva, in ogni caso non deve, e non dovrà mai, tranne i rapidi attraversamenti della sala di consultazione, aver accesso ai penetralia degli scaffali.

    NOTA RISERVATA. Tutto il personale deve essere affetto da menomazioni fisiche (…) Per il personale destinato a raggiungere su scala a pioli gli scaffali più alti di otto metri si richiede che il braccio mancante sia sostituito con protesi a uncino, per ragioni di sicurezza. Il personale totalmente privo di arti superiori consegnerà l’opera tenendola tra i denti (la disposizione tende a impedire la consegna di volumi superiori al formato in ottavo).

Umberto Eco, Il Secondo diario minimo
Bompiani 1981

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...