LA SITUAZIONE – In Russia

La Corte Suprema della Federazione Russa ha dichiarato insufficienti le accuse nei confronti dell’attivista Il’dar Dadin e ordinato la sua immediata scarcerazione.

Fonte: Wikimedia Commons.
Il’dar Dadin a Mosca. Fonte: Wikimedia Commons.

Dadin è noto per il suo sostegno alla comunità LGBT russa e all’attivista Aleksej Naval’nyj. Negli anni ha partecipato a numerose manifestazioni di protesta, inclusa la Marš Mira (Marcia della Pace) tenutasi nel marzo del 2015 per protestare contro l’intervento russo in Ucraina. Ha inoltre organizzato diversi picchetti individuali sulla Piazza Rossa e davanti alla sede dell’FSB (i servizi segreti russi).
Il suo arresto è avvenuto nel dicembre 2015 sfruttando una nuova legge sulle manifestazioni non autorizzate. Secondo questa legge, si è passibili di arresto e incarcerazione fino a 5 anni se si partecipa ad almeno due manifestazioni non autorizzate nell’arco di 180 giorni.
Il suo caso è diventato famoso a livello internazionale quando è stata resa pubblica una sua lettera in cui denunciava i maltrattamenti e le torture subite in prigione. Diverse organizzazioni per i diritti umani, tra cui Amnesty International e la russa Memorial’, hanno definito Dadin un prigioniero politico.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...